Voci Da Mekelle
 
 
Almaz
20/12/2012


Almaz W. Gebriel è una detenuta di 23 anni, ha un figlio di tre e ha divorziato dal marito poco prima di entrare in carcere. È stata condannata a 5 anni nella prigione di Maichew, 120 km a sud di Mekelle, capitale del Tigray, per uso improprio di denaro pubblico quando faceva la contabile presso un ufficio governativo.

Sono passati ormai due anni e sette mesi dal mio primo giorno in carcere.
Tre mesi fa sono stata selezionata per partecipare ad un corso di formazione per estetista nella prigione di Mekelle. Una volta finito, tornerò nella prigione di Maichew dove sarò io a insegnare quello che ho imparato ad altre detenute. A fine corso mi daranno anche un certificato. In carcere ho aderito ad una cooperativa di 10 membri, la 'Lemlem Raya Home Economics Products Cooperative'. Come capitale iniziale abbiamo ottenuto dalla filiale DESCI presente all’interno del carcere, un prestito di 1.000 ETB, che siamo riusciti a rimborsare fino all’ultimo centesimo. Abbiamo così potuto richiedere e ottenere un secondo prestito di ETB 5000 dal Southern Zone Women’s Office …e ora il nostro capitale ammonta a 12.000 ETB! Io mi occupo di gestire tutte le operazioni finanziarie come acquisto e vendita di prodotti, contabilità, ecc.

La prima cosa che ho pensato appena arrivata a Maichew è stata: ‘Qui è l’inferno’. Ma poi la situazione è cambiata e da quando sono stata trasferita nel carcere di Makalle ho scoperto che potevo approfittare di tutti i corsi e della formazione organizzati al suo interno. Ho iniziato ad acquisire competenze diverse e ora ho un vero e proprio reddito che posso gestire come meglio credo e che spero riuscirò a mantenere anche una volta fuori di qua. Ogni giorno preparo i prodotti che poi vendiamo nel piccolo negozio all’interno della prigione - arachidi, 'kollo' (orzo fritto), legumi macinati - e sono impegnata in varie attività di formazione. Le mie giornate sono piene e non ho tempo di pensare a cose brutte. Ogni tanto sogno a cosa potrei fare una volta che uscirò dal carcere: mi piacerebbe aprire un’officina per la lavorazione del metallo e del legno insieme ai miei fratelli, magari chiedendo un prestito a qualche istituto di microcredito. Sento che sto cambiando e sono certa che tutto questo mi aiuterà ad avere successo in futuro e, soprattutto, dare un futuro a mio figlio. Io sono ottimista.
Un’altra cosa. Sono orgogliosa di essere riuscita a ottenere il diploma di ragioneria a distanza; quando sono entrata, infatti, mi mancavano 2 anni al diploma e ora, grazie a questi corsi, ho completato la mia formazione.   

 
Almaz







 



Copyright © 2015 itacaddis.org. All rights reserved.